A prima vista

Manovre di disostruzione, 10 consigli per evitare il soffocamento

Avete mai partecipato ad un corso di disostruzione pediatrica? Se la risposta è no spendete qualche minuto per leggere questo articolo e guardare il video: sono solo poche, semplici, nozioni che possono davvero salvare una vita. In Italia, ogni settimana, muore un bambino per soffocamento, causato dall’ingestione di un oggetto.  La fascia più esposta è quella dei bambini dai 12 ai 36 mesi. L’ostruzione avviene quando, al momento dell’inalazione dell’oggetto nelle vie aeree, esso entra nella trachea anziché procedere normalmente per l’esofago.

Basta poco per evitare queste morti e ormai ho imparato a memoria  i cibi e gli oggetti pericolosi: caramelle e gomme da masticare non vanno lasciate in giro per casa. Prosciutto e mozzarella non devono essere tagliati a fette ma sminuzzati. I wurstel non vanno tagliati grandi perche essendo cilindrici e spugnosi possono causare disostruzione completa. Pomodorini e chicchi d’uva se non vengono tagliati sono pericolosi così come le noccioline e tutta la frutta secca. Inoltre palloncini, monete, tappetti di bottiglie e penne, pile a litio (che se ingerite creano setticemie) e graffette non devono essere lasciate a portata di mano dei più piccoli.

Di seguito riportiamo i 10 consigli di Marco Squicciarini (medico e formatore Salvamento Academy) per prevenire gli incidenti per soffocamento nei bambini.

1) Ogni fase dell’età è diversa, la maggior parte degli incidenti per soffocamento avviene nei bambini tra i 0 e i tre anni (non compiuti), il 67.3 per cento; dai 3 anni ai 14 anni, 25.4 per cento (fonte Susy Safe). Quindi il primo consiglio è quello di somministrare gli alimenti giusti ai vostri bambini, in base alle diverse fasi della crescita;

2) tagliare gli alimenti in modo appropriato è il secondo consiglio. Sono degli studi canadesi a dettare le prime regole precise per il “taglio” di alcuni alimenti: i chicchi di uva devono essere tagliati in 4 pezzettini, il wurstel longitudinalmente, le pere, le pesche, le mele , le albicocche , le susine a spicchi piccoli. Per il resto basta usare un po’ di sano buon senso;

3) fare molta attenzione a tutti gli oggetti e gli alimenti posizionati all’altezza dei bambini è il terzo consiglio. Gli alimenti/oggetti più pericolosi sono: arachidi, noccioline, palline pralinate rotonde, telecomandi. In particolare il telecomando, cadendo per terra può aprirsi e il bambino potrebbe entrare in contatto con le pile a disco, pericolose poiché rilasciano litio. Quindi è buona norma mettere un “guscio protettivo per gli urti” di gomma e posizionarlo lontano dalla presa dei bambini;

4) tenere sempre un occhio di riguardo alla tavola quando i commensali sono di età diversa. Il quarto consiglio è quello di insegnare ai bambini le “buone maniere” a tavola. Stare seduti in posizione eretta e non semisdraiati, mangiare solo quello che è nel proprio piatto e non prendere mai gli alimenti dai piatti degli altri commensali, sono queste le regole da rispettare a tavola;

5) acquistare solo giochi a norma. La quinta regola è quella di comprare ai bambini sempre giocattoli adatti alla loro età e in regola con la normativa vigente;

6) quando si ha la bocca piena non si parla, non si corre, non si ride e non si gioca. Questo è il sesto consiglio. Il cibo ben masticato sarà più digeribile e ben sminuzzato, quindi anche meno pericoloso;

Hai già visionato la galleria di bavette che Buy Italian Style dedica alla prima infanzia? Visita subito il sito. Clicca QUI

7) fare sempre molta attenzione a bottoni e monete. I bottoni e le monete sono tra gli oggetti più a rischio per un bambino piccolo ed è spesso facile reperirli in casa. Quindi custoditeli con cura e soprattutto lontani dalla vista dei bambini;

8) prestare attenzione ai bambini anche quando si viaggia in macchina. Controllare sempre il contenuto dei portaoggetti laterali in cui spesso finiscono palline, pile, penne, tappetti ed evitare che i bambini mangino quando il genitore è alla guida e non c’è nessuno che li sorvegli in macchina;

9) sorvegliare sempre e al meglio, facendo molta attenzione alla potenziale pericolosità degli alimenti/giochi presenti in casa. Per questo è importante che le persone che lavorano o trascorrono del tempo con i bambini siano sempre informate e formate su come prevenire e intervenire in caso di soffocamento;

10) verificare sempre le conoscenze e la formazione di una persona prima di affidare i bambini. Prima di affidare il bambino ad una baby sitter/educatrice/tagesmutter è importante verificare che abbiano seguito un corso di manovre di disostruzione in età pediatrica e di BLSD pediatrico. Sapere come intervenire in caso di soffocamento del bambino per inalazione di un corpo estraneo aiuta a prevenire le morti per soffocamento.

GUARDA IL VIDEO